Issue #0

Realtà o finzione, documento o arte. La fotografia, fin dalle origini, è divisa fra due anime. Ogni fotografo ne predilige una, anche se spesso i confini sono sottili. Uno scatto riproduce oggetti reali, ma può essere costruito in fase di ripresa o manipolato in seguito. Succedeva con l’analogico, avviene con estrema facilità nell’era del digitale, non sempre a fini espressivi. Se l’intento della fotografia è informare, si pongono, ora più che mai, questioni etiche. Forse nell’ambiguità della fotografia risiede parte del suo fascino. Sospesa fra reale e immaginario, non siamo sicuri che ci dica sempre la verità. Solo se gli intenti dell’autore sono chiari possiamo ammirane il duplice linguaggio senza timore di essere ingannati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *